Occasione: cena informale con amici.
Tempo a disposizione per la preparazione: molto poco.
Alternative: comprare un dolce pronto, fare a meno del dessert o trovare qualcosa di semplice e veloce da cucinare.
Per quanto mi riguarda, non riesco più ad andare a comprare le torte. L’unica cosa che posso accettare di non fare sono le pastine perché  ci vuole troppo tempo per produrre un po’ di varietà.

Avendo circa un’ora per preparare antipasto e dolce, ho deciso di avere comunque un aiuto. E via di brownies con il gelato!
Una ricetta molto facile, potrete constatarlo leggendola, ma come sempre sfiziosa presa dal libro di Santin.

In un’ora ho ridotto la cucina ad un disastro tra ciotole sporche di cioccolato, pomodorini svuotati e messi a testa in giù, capesante e bruschette, che “Cucine da incubo”, levate! Le avrei sentite su dal buon vecchio Antonino Cannavacciuolo anche perchè il menù non aveva propriamente un filo logico. Anzi, abbiamo saltato un po’ di palo in frasca! Vi basti pensare che abbiamo mangiato: capesante gratinate, bruschette con lardo di Colonnata e rosmarono, pomodorini con tonno, insalata russa e spaghetti alle vongole.

E a chiudere i tutto: loro..

Brownies e gelato

Ingredienti:
145g cioccolato al 75%
260g burro
250g zucchero
260g uova
150g farina
140g frutta secca (io mandorle)
1/2 bacca di vaniglia

Gelato al fiordilatte

Sciogliete a bagnomaria il cioccolato con il burro; a parte in una ciotola sbattete le uova con lo zucchero e i semi di vaniglia.
Unite il cioccolato alla montata di uova mescolando dal basso in alto con una ciotola e quando sarà omogeneo, aggiungete la farina setacciata.
Per ultima, aggiungete la frutta secca tritata grossolanamente col coltello.
Mettete ‘impasto in una teglia rettangolare foderata con carta forno e cuocete a 180° per 45 minuti.
Una volta cotti, tagliate a cubetti e servite con una quenelle di gelato.

Brownies e gelato

TIPS & TRIKS:

  • Il cioccolato regna sovrano, perciò scegliete un buon cioccolato
  • Io ho usato una teglia di circa 20×35, ma potete anche cambiare. Dipende se li volete più o meno spessi o se preferite fare delle fette tradizionali
  • Anche la cottura non è standard. Ovviamente la temperatura dipende dal forno, ma soprattutto si possono lasciare “più indietro” come i tipici brownies che sono un po “chew” all’interno
  • Il gelato, a mio parere, è una scelta azzeccata soprattutto se servite i brownies ancora caldi
  • Potete aggiungere anche della cannella all’impasto per un gusto più particolare
  • Se volete dare un tocco croccante, cospargete la superficie con dello zucchero e passatevi il cannello (o sotto il grill). Anche il sapore di caramello si sposa bene

 

E se avanzano, vanno bene da pucciare nel latte 😉

Share: